Coronavirus, Indennità di 600 euro a partite Iva: CI PENSA CONIMPRESA

CONIMPRESA HELP P. IVA1

600 euro per le partite Iva : l’indennità, prevista dal decreto Cura Italia, prevede l’erogazione di un contributo una tantum per il mese di marzo per fronteggiare la crisi legata al Coronavirus.

 

a chi spettano?

  1. Autonomi, partite Iva, lavoratori agricoli, del turismo e dello spettacolo.Sono queste le categorie alle quali spetta il bonus pensato dal Governo nel decreto Cura Italia.
  2. Anche professionisti e autonomi iscritti alle casse di previdenza private avranno un indennizzo di 600 euro per il mese di marzo. Il bonus andrà chiesto alla propria cassa e sarà erogato a chi ha avuto redditi fino a 35mila euro o, tra 35 e 50mila, abbia subito cali di attività di almeno il 33% nei primi 3 mesi 2020.
  3.  i soci di Srl o Snc, seppur non classificabili come lavoratori autonomi in quanto svolgono l’attività in forma societaria, potranno fare domanda per beneficiare del bonus una tantum di 600 euro. (come chiarito dal MEF se i singoli soci sono iscritti alle Gestioni INPS potranno fare domanda per il bonus di 600 euro);
  4. anche gli agenti di commercio e rappresentanti di commercio rientrano nella platea delle categorie professionali destinatarie dell’indennità di 600€ per il mese di marzo previsto dall’art. 28 del DPCM “Cura Italia”.

 

da quando è possibile fare richiesta?

L’apertura delle domande è fissata al primo aprile: non si tratterà però di un click day. Lo ha ribadito anche il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico: “voglio tranquillizzare, non c’è un limite di tempo oltre il quale le persone non possono fare le domande”.

 

CONIMPRESA offre il supporto per le richieste di indennità in oggetto e a fronte di questo si prega tutti coloro che ne hanno diritto di scriverci a patronato@conimpresa.com.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *